Infezione degli impianti dentali: La battaglia tra metalli e germi

Table of Contents

Le infezioni sono una spina nel fianco quando si parla di salute orale. Le malattie gengivali, le infezioni dentali e le infezioni ossee sono infezioni gravi che minacciano la salute orale del paziente. Ma tutte si verificano nei tessuti organici. Cosa fare se si ha un pezzo di metallo in bocca? Cosa fare in caso di infezione degli impianti dentali?

In questo articolo parleremo dell’infezione degli impianti dentali, di quanto siano comuni le infezioni degli impianti dentali, di come si manifestano, di come procedono e di come combatterle. Quindi stringi le cinture, stai per entrare nel mondo della guida alle infezioni dentali.

Combattere con i germi: Gli impianti dentali possono infettarsi?

La risposta è sì e no. Come? Non sono direttamente gli impiantima i tessuti che li ricoprono a potersi infettare. A differenza dei denti naturali, sono costituiti da materiali inorganici, quindi l’infezione degli impianti dentali non avviene direttamente sui metalli. Ma strutturalmente e morfologicamente sono come i denti naturali. Quindi, possono comunque essere colpiti da infezioni.

Ad esempio, i denti naturali hanno tessuti organici vivi ricoperti da un guscio inorganico a base minerale. Il guscio non si infetta, ma la parte interna dei denti sì. Inoltre, i batteri e la placca accumulati sui denti, sul bordo gengivale o sulle radici dei denti possono diffondere infezioni ai tessuti ossei e gengivali. Mi spiace dirlo, ma questo è possibile anche per gli impianti. Non preoccuparti non è un caso comune. Si chiama peri-implantite. È proprio come la parodontite, ma con gli impianti dentali.

Segni di infezione dell’impianto

Nel caso di infezioni batteriche, è importante essere consapevoli in una fase iniziale prima che inizi a distruggere le gengive e le ossa. E non è difficile capire se si tratta di un problema di questo tipo. Se hai degli impianti e osservi i sintomi seguenti intorno ad essi o in qualsiasi altro punto, è meglio che ti rivolgi a un dentista:

  • Impianto allentato
  • Gengive arrossate e gonfie attorno all’impianto
  • Alito cattivo e cattivo sapore in bocca
  • Dolore pulsante intorno all’impianto
  • Sanguinamento intorno all’impianto durante lo spazzolamento
  • pus visibile
  • Difficoltà di masticazione
  • febbre
  • Gengive che si ritirano

Quali sono le cause?

Le infezioni gengivali si verificano intorno all’impianto per diversi motivi. Un’infezione dentale significa anche che si è in presenza di una malattia gengivale. Ne abbiamo citati alcuni. Vediamo ora nel dettaglio le ragioni che stanno alla base di questa malattia e facciamo capire quanto sia grave questa situazione.

Contaminazione batterica durante il processo di implantologia

Purtroppo, come in tutte le professioni, non tutti i dentisti sono rigorosi e professionali. Ci si può imbattere in cattivi esempi, ma anche in buoni. Ecco perché la scelta del dentista e della clinica è molto importante quando si tratta di operazioni odontoiatriche, soprattutto quelle che richiedono interventi chirurgici.

L’ambulatorio e gli strumenti utilizzati dai dentisti devono essere sufficientemente sterili. Poiché aprono un foro nel corpo, qualsiasi microrganismo può entrare in questa ferita e moltiplicarsi. Questo tipo di infezioni può essere grave. Quindi bisogna essere sicuri di essere operati in un ambiente sterile. Anche la qualifica del dentista è molto importante. La mancanza di conoscenze e di esperienza può portare a impianti non corretti.

Scarsa igiene orale e manutenzione inadeguata

Abbiamo parlato della responsabilità dei dentisti, ora è il momento di parlare della tua. La parte più importante della salute orale è una buona e corretta routine di igiene orale. Se la segui, il tuo sorriso rimarrà bello e sano. Per buona igiene orale intendiamo spazzolare i denti almeno due volte al giorno, usare il filo interdentale, sciacquare e usare il collutorio. Inoltre, è necessario recarsi regolarmente dal dentista per verificare se c’è qualcosa che non va.

Malattie o infezioni gengivali preesistenti

La procedura implantare richiede un intervento chirurgico per inserire l’impianto nell’osso mascellare. Questo tipo di intervento può causare la diffusione di infezioni e malattie preesistenti alle aree circostanti. Di norma, quindi, non si può e non si deve ricorrere all’impianto se si ha una malattia di questo tipo. Bisogna prima curarla.

Sistema immunitario compromesso

Il sistema immunitario combatte ogni giorno contro batteri, virus e funghi invasivi. In questo senso, la bocca è un vero e proprio campo di battaglia. Con tutto quello che mangi, ogni volta che metti qualcosa in bocca potresti far incontrare alla tua bocca nuovi batteri. Se non hai un sistema immunitario debole, i meccanismi di difesa del tuo corpo li distruggono. Ma se il sistema immunitario è debole, il rischio di infezioni orali è più elevato.

Fumo e tabacco

Il fumo e l’uso di tabacco sono uno dei maggiori fattori che aumentano il rischio di perimplantite e di altre infezioni orali. Innanzitutto, il fumo provoca secchezza delle fauci, creando un ambiente migliore per l’accumulo di placca. La saliva che la bocca secerne naturalmente è anche parte del sistema immunitario. Pulisce i batteri e rimuove i residui di cibo. Inoltre, protegge l’equilibrio del pH della bocca. Quindi, con la bocca secca, i batteri possono moltiplicarsi e formare la placca molto più facilmente.

Il fumo riduce anche l’efficacia dei meccanismi di difesa naturali dell’organismo. Riduce la circolazione sanguigna, per cui il sangue non è in grado di fornire ai tessuti un apporto sufficiente nel momento in cui ne hanno bisogno. Il risultato è che il processo di guarigione è più lungo e difficile.

Quanto è comune?

Può essere comune, ma dipende dal paziente. Le ricerche dimostrano che circa il 20% dei pazienti presenta una perimplantite nel primo decennio di vita dell’impianto. Diciamo quindi che questo vale per 1 paziente su 5. Dai un’occhiata ai fattori di rischio e verifica se puoi rientrare in questo 20% o meno. Se lo ritieni, prendi le dovute precauzioni. Non è difficile prevenire queste infezioni con diversi accorgimenti. Se non hai tendenze genetiche o problemi al sistema immunitario, l’unica cosa da fare è mantenere una buona igiene orale e abbandonare le cattive abitudini.

Tipi di infezioni da impianto

Esistono diversi tipi di infezione degli impianti dentali a seconda del punto in cui si verifica o di quanto ha proceduto Ad esempio, la perimplantite colpisce tessuti diversi a livelli diversi nelle fasi iniziali e finali. Inoltre, l’infezione intorno ai tessuti circostanti può diffondersi in altre parti della bocca. Vediamoli brevemente.

Mucosite perimplantare

È lo stadio iniziale della perimplantite. I sintomi sono simili a quelli della gengivite: gengive rosse e gonfie, sanguinamento e così via. In questa fase iniziale, l’infezione non causa ancora alcuna perdita ossea. Tuttavia, se non viene trattata, può progredire e diventare più pericolosa per la salute orale.

Peri-implantite

È la versione avanzata L’infezione colpisce sia l’osso che i tessuti gengivali. Se non trattata, si può verificare una significativa perdita ossea e una recessione gengivale. I sintomi dello stadio precedente continuano anche nella peri-implantite.

Formazione di un ascesso

Quando l’infezione distrugge i tessuti molli, si possono formare sacche piene di batteri, chiamate ascessi. Mentre il sistema immunitario combatte contro i batteri, il pus si accumula nelle sacche come le scorie di un campo di battaglia. Questo processo può causare dolore, gonfiore e tenerezza.

Osteomielite associata all’impianto

L’infezione si diffonde dalle gengive e dai tessuti molli alle ossa. L’infezione si diffonde dalle gengive e dai tessuti molli alle ossa. Lentamente, distrugge la struttura ossea dell’area. Può essere dolorosa e può causare febbre. Se non viene trattata, la perdita dei denti è inevitabile e si possono verificare anche gravi alterazioni morfologiche a causa della perdita di tessuto di sostegno intorno alla bocca.

Un’infezione può mettere a rischio l’impianto?

Sì! Come abbiamo detto in precedenza, l’impianto mantiene la sua posizione grazie ai tessuti di sostegno, proprio come i tuoi denti naturali. Quindi questo tipo di malattia indebolisce e addirittura distrugge questi tessuti fino a quando non rimane più nulla da sostenere per gli impianti, con conseguente fallimento dell’impianto dentale. Inoltre, in caso di perdita di tessuto, può diventare più difficile sostituire il dente o l’impianto mancante con uno nuovo.

Cosa fare se l’impianto è infetto?

Come per tutte le malattie, è necessario consultare un professionista per capire meglio la situazione e quindi ottenere il trattamento giusto. I metodi di trattamento possono variare a seconda dell’entità dell’infezione e del danno subito dai tessuti duri e molli. Se non c’è una perdita significativa di tessuto, è più facile trattarla con farmaci e buone cure. Se si è persa una parte dei tessuti, potrebbe essere necessario un intervento di innesto gengivale o osseo.

Diagnosi

Le gengive possono essere osservate allo specchio. Ma per una diagnosi accurata è necessario rivolgersi a un dentista. Solo un dentista può dirti cosa sta succedendo esattamente nella tua bocca, fino a che punto è avanzata e come trattarla correttamente. La prima cosa che il dentista farà è un esame per essere sicuro di quale sia il problema. I sintomi si manifestano generalmente nelle gengive. Poi un radiologo odontoiatrico esamina i tessuti interni per vedere se c’è o meno una perdita di tessuto osseo.

Trattamento dell’infezione

Una volta effettuata la diagnosi, il dentista decide a quale trattamento sottoporsi. Vediamo quali sono le opzioni di trattamento per l’infezione degli impianti dentali:

  • Antibiotici: Con o senza perdita di tessuto, gli antibiotici sono generalmente necessari per trattare la malattia. Combattendo i batteri, possono eliminare l’infezione dalle gengive e dalle ossa. La potenza dell’antibiotico può variare a seconda del livello della malattia.
  • Innesto gengivale: Se si è persa una parte significativa delle gengive intorno all’impianto, questo può allentarsi. Con l’innesto gengivale, il medico allunga la gengiva fino al margine gengivale naturale o la trapianta da un’altra parte della bocca all’area interessata. Poi ricuce il tutto e il resto dipende da te.
  • Innesto osseo: Il medico apre l’area e la riempie con un cemento speciale che diventerà più duro e concreto e alla fine si fonderà con le ossa. I tessuti ossei non possono rigenerarsi naturalmente, quindi i medici li innestano e riempiono l’area vuota.
  • Rimozione del tessuto infetto: In alcuni casi estremi, quando i tessuti sono così gravemente colpiti dall’infezione, può essere necessario rimuoverli per proteggere i tessuti sani. I dentisti rimuovono questi tessuti con attenzione e in anestesia locale.
  • Sostituzione dell’impianto: Se hai già perso l’impianto o se il medico ritiene necessario cambiarlo, ti sottoporrai a una sostituzione dell’impianto. Può essere necessario per guarire meglio l’area o, in caso di grave perdita di tessuto, può essere necessario un innesto per sostenere meglio gli impianti.

Prevenzione della recidiva dell’infezione

L’infezione può sempre ripresentarsi e sappiamo perché: mancanza di igiene dentale, dieta scorretta e cattive abitudini. Pertanto, se si prendono le precauzioni necessarie, è possibile evitare che si verifichino. Ecco le misure da adottare per prevenire l’infezione degli impianti dentali:

  • Spazzolare i denti due volte al giorno
  • Utilizzare un dentifricio specifico per la salute delle gengive.
  • Utilizzare il filo interdentale almeno una volta al giorno
  • Sciacquare i detriti presenti in bocca
  • Non lasciare che la bocca si secchi, bevi acqua
  • Sottoporsi a regolari controlli odontoiatrici
  • Mangia bene per sostenere il tuo sistema immunitario
  • Non fumare!

Se adotti queste precauzioni e mantieni una buona routine di igiene orale, non dovrai più preoccuparti della perimplantite. Non dimenticare che la tua salute orale dipende soprattutto dalla tua igiene orale.

Referenze:

Rokaya D, Srimaneepong V, Wisitrasameewon W, Humagain M, Thunyakitpisal P. Aggiornamento sulla perimplantite: Indicatori di rischio, diagnosi e trattamento. Eur J Dent. 2020 Ottobre;14(4):672-682. doi: 10.1055/s-0040-1715779. Pubblicato il 3 settembre 2020. PMID: 32882741; PMCID: PMC7536094. (link)

Roccuzzo A, Stähli A, Monje A, Sculean A, Salvi GE. Peri-implantite: A Clinical Update on Prevalence and Surgical Treatment Outcomes. J Clin Med. 2021 Mar 6;10(5):1107. doi: 10.3390/jcm10051107. PMID: 33800894; PMCID: PMC7962026. (link)

Smeets R, Henningsen A, Jung O, Heiland M, Hammächer C, Stein JM. Definizione, eziologia, prevenzione e trattamento della perimplantite: una revisione. Head Face Med. 2014 Sep 3;10:34. doi: 10.1186/1746-160X-10-34. PMID: 25185675; PMCID: PMC4164121. (link)

Prathapachandran J, Suresh N. Management of peri-implantitis. Dent Res J (Isfahan). 2012 Sep;9(5):516-21. doi: 10.4103/1735-3327.104867. PMID: 23559913; PMCID: PMC3612185. (link)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CONTACT US

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua.