Le faccette causano l’alito cattivo? Possono essere accusate o no?

Table of Contents

L’alito cattivo è uno dei problemi peggiori di cui soffrono molte persone. Non solo per i problemi medici che può indicare, ma anche per i suoi effetti sociali che possono essere piuttosto fastidiosi. Se ne soffri e hai delle faccette, potresti chiederti: “Le faccette causano l’alito cattivo?”. Le faccette sono pezzi estetici e possono dare l’impressione di non avere un cattivo odore. Quindi si potrebbe iniziare a cercare il motivo dell’alito cattivo sotto le faccette. Ma davvero le faccette causano l’alito cattivo? O le faccette fermano l’alito cattivo? 

In questo articolo parleremo delle relazioni reali e falsamente accusate tra faccette e alito cattivo. Vedremo perché l’alito cattivo si verifica e se ha una qualche relazione con le faccette. Vediamo quindi se le faccette causano o meno l’alito cattivo.

Le faccette sono responsabili dell’alito cattivo?

Normalmente non dovrebbero. Le faccette di per sé non causano l’alito cattivo, noto come alitosi. Tuttavia, molte persone con le faccette si lamentano dell’alito cattivo e vedono le faccette come responsabili di questa situazione Ci sono alcune situazioni che possono causare questo problema, ma non è la natura delle faccette. Si tratta di una situazione che generalmente è causata da una colpa dell’utente o del dentista. Come? È il momento di esplorare il perché!

Come fanno le faccette a causare l’alito cattivo?

Ancora una volta, non lo fanno! A meno che non vengano applicate in modo improprio In tal caso, le faccette mal posizionate possono costituire una minaccia per la salute orale generale. Possono causare accumulo di placca, disturbi gengivali, carie, irritazione gengivale e così via. Tutto questo può portare a un cattivo odore dell’alito. Inoltre, se non si effettua un’igiene orale regolare, la situazione peggiora e il danno può aumentare.

È comune?

Non esiste una statistica specifica al riguardo. Ma molte persone possono soffrire di alito cattivo e ne attribuiscono la colpa alle faccette. Quando si ha un sorriso estetico, ci si aspetta che tutto sia altrettanto estetico. Ecco perché le persone possono sentirsi deluse dall’alito cattivo Ma bisogna ricordare che le faccette non coprono l’intero dente, ma solo la sua superficie visibile. Quindi non rappresentano tutto ciò che accade nella bocca. 

Cause dell’alito cattivo da faccette

Abbiamo capito che le faccette non sono la causa. Quali sono allora le cause? In realtà, sono molteplici i fattori che possono portare l’alito ad avere un cattivo odore. La maggior parte di essi riguarda il modo in cui ci si prende cura dei denti e le abitudini che li influenzano. Ma naturalmente non devi essere l’unico responsabile dell’alito cattivo. A volte anche un cattivo dentista può portare a questi problemi. Vediamo nel dettaglio come si ottiene l’alito cattivo con le faccette.

Posizionamento errato

La prima è una responsabilità del dentista Le faccette e tutti i tipi di apparecchi ortodontici devono essere applicati correttamente. In primo luogo, se c’è uno spazio tra la superficie del dente naturale e la faccetta, le particelle di cibo possono rimanere bloccate e i batteri orali si accumulano lì. I batteri si nutrono delle particelle di cibo e formano la placca. Possono diffondere infezioni e causare malattie gengivali, che sono una delle principali cause dell’alito cattivo. Inoltre, poiché la fessura è più difficile da pulire, i batteri possono avere maggiori possibilità di prosperare. Inoltre, le faccette dentali posizionate in modo scorretto possono causare irritazioni alle gengive, che possono anche provocare un cattivo odore.

Cura orale inadeguata

Quando si parla di responsabilità dell’utente, una cattiva igiene orale è il mostro che distrugge l’alito. Se non ci si lava almeno due volte al giorno o non si usa il filo interdentale, le particelle di cibo si incastrano tra i denti Come abbiamo detto in precedenza, i batteri presenti in queste aree se ne nutrono e si moltiplicano. Questi batteri causano l’accumulo di placca e la carie. Entrambi sono le cause principali dell’alito cattivo. Se non si prendono precauzioni, possono avanzare e causare malattie gengivali, anch’esse molto dannose per l’alito.

Il fumo

Il fumo è letteralmente il peggior nemico della salute e dell’igiene orale La parte relativa alla salute è intuibile, ma come influisce sull’igiene orale? La risposta è semplice: Secchezza delle fauci! I prodotti del tabacco riducono la secrezione di saliva, causando la secchezza delle fauci. Senza una quantità sufficiente di saliva, la bocca rimane sporca e diventa un ambiente adatto ai batteri e alla placca. Questo causa assolutamente l’alito cattivo. Quindi, se fumi e non hai intenzione di smettere, bevi almeno abbastanza acqua e mantenete la bocca idratata. Ma la soluzione migliore è non fumare affatto. 

Bocca secca

Come abbiamo detto sopra, la secchezza delle fauci è una delle principali cause dell’alito cattivo. Poiché la saliva rimuove naturalmente i residui di cibo e protegge l’equilibrio del PH della bocca, non permette ai batteri di moltiplicarsi e danneggiare la bocca senza alcuna barriera Senza una quantità sufficiente di saliva, i residui di cibo possono rimanere al loro posto e i batteri possono nutrirsene.

Può verificarsi per vari motivi. Le principali sono il fumo, il consumo di alcol e il non bere abbastanza acqua. e L’idratazione del corpo svolge quindi un ruolo fondamentale nell’igiene orale. È necessario bere abbastanza acqua ogni giorno. Questa quantità può variare da persona a persona, ma in generale tutti devono bere almeno 8 bicchieri d’acqua al giorno.

Malattie delle gengive

Le cose di cui abbiamo parlato sopra sono tutti i passi sulla strada della malattia parodontale Soprattutto l’accumulo di placca diffonde le infezioni nelle gengive. Quando le gengive si infettano, si gonfiano e sanguinano. Dopo un po’ si ritirano e rendono le radici dei denti vulnerabili ai batteri. Tutte queste ragioni sono all’origine del cattivo odore e di altri problemi dentali. 

Carie del dente

Le faccette coprono solo la superficie visibile dei denti Pertanto, avere le faccette dentali non significa essere totalmente protetti dalla carie. Se non si tiene la bocca pulita e non ci si preoccupa abbastanza di problemi come l’accumulo di placca e la secchezza delle fauci, prima o poi i denti si cariano. E se ne hai uno, il cattivo odore sarà inevitabile finché avrete la carie.

Come trattare l’alito cattivo?

Le soluzioni all’alito cattivo sono in realtà molto semplici Una buona igiene orale ed evitare le cattive abitudini sono i punti fondamentali. Smettere di fumare, evitare i cibi zuccherati, spazzolare, passare il filo interdentale e sciacquare i denti: finché fai queste cose, è abbastanza improbabile che ti abbia un alito sgradevole. 

Evitare gli alimenti zuccherati

Gli alimenti zuccherati sono i migliori per i batteri che formano la placca e causano la carie. Vuoi sapere una cosa assurda? Prima del consumo di massa di zucchero, non c’era quasi nessuna carie nei denti delle persone. I batteri orali che si nutrono di alimenti zuccherati sono la causa dell’alito cattivo. Quindi la precauzione più elementare che si può prendere è quella di evitare questo tipo di alimenti Se li mangi comunemente, lo spazzolamento diventa più importante. Forse non si può spazzolare, ma almeno si può usare il filo interdentale per pulire la bocca dai residui. Ma semplicemente, non mangiare troppi cibi zuccherati è molto meglio. Sia per la salute orale che per quella generale. 

Una corretta igiene orale

L’igiene dentale è la cosa più importante da mantenere. Spazzolare due volte al giorno, usare il filo interdentale, sciacquare e usare il collutorio quando necessario sono tutti metodi efficaci per combattere i batteri cattivi. Quando si usa lo spazzolino e il filo interdentale, si rimuove la maggior parte dei residui di cibo, i batteri orali e anche la placca. Quindi, non c’è niente di meglio che mantenere buone abitudini di igiene orale per combattere l’alito cattivo. 

Pulizia dentale

A volte spazzolare e passare il filo interdentale può non essere sufficiente per rimuovere i residui di placca dai denti. È possibile rimuovere la maggior parte della placca con lo spazzolino, ma non è possibile eliminare l’accumulo di tartaro. Poiché il tartaro  è molto più solido e resistente della placca, potrebbe essere necessaria una pulizia dentale adeguata, una detartrasi e una pianificazione radicolare Con gli strumenti adeguati, il dentista può rimuoverlo rapidamente ed evitare che la situazione peggiori.

Sostituzione delle faccette

Se le faccette non sono ben aderenti, questo è il motivo alla base dei tuoi problemi, devi farle sostituire. Perché questo significa che hai un problema strutturale e, finché non lo risolvi, i problemi come l’alitosi possono ripresentarsi. È quindi necessario recarsi dal dentista. Il dentista analizzerà la situazione e rimuoverà le vecchie faccette. Poi si sottoporrà di nuovo alla procedura delle faccette dentali. 

Quando bisogna farsi controllare?

Di norma, tutti dovrebbero recarsi dal dentista per controlli regolari, almeno due volte l’anno. Ma se soffri di alito cattivo persistente, puoi prendere in considerazione l’idea di recarti dal dentista senza aspettare il momento del controllo. Potrebbe esserci una ragione di fondo, come quelle di cui abbiamo parlato.

Controlli cosa succede nella bocca e verifichi se ci sono o meno dei segnali. Per esempio, puoi esaminare le gengive: se ci sono spazi vuoti tra le gengive e i denti, questo è un segno di malattia gengivale. Anche le gengive arrossate e inghiottite sono segni di malattie gengivali Non dimenticate di controllare anche il retro dei denti. Potrebbero esserci delle carie che non sono visibili sul davanti. Se noti una di queste, devi visitare il tuo dentista e iniziare la battaglia contro i batteri per proteggere a tutti i costi il tuo bel sorriso!

Referenze:

Wyszyńska M, Nitsze-Wierzba M, Białożyt-Bujak E, Kasperski J, Skucha-Nowak M. Il problema dell’alitosi in odontoiatria protesica e i nuovi approcci al suo trattamento: Una revisione della letteratura. J Clin Med. 2021 Nov 26;10(23):5560. doi: 10.3390/jcm10235560. PMID: 34884262; PMCID: PMC8658399. (link)

Aylıkcı BU, Colak H. Halitosis: Dalla diagnosi alla gestione. J Nat Sci Biol Med. 2013 Jan;4(1):14-23. doi: 10.4103/0976-9668.107255. PMID: 23633830; PMCID: PMC3633265. (link)

Kapoor U, Sharma G, Juneja M, Nagpal A. Alitosi: Concetti attuali su eziologia, diagnosi e gestione. Eur J Dent. 2016 Apr-Jun;10(2):292-300. doi: 10.4103/1305-7456.178294. PMID: 27095913; PMCID: PMC4813452. (link)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Search
dentfix clinic: dental implants, veneers, crowns and hollywood smile

CONTACT US

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua.